Archivi tag: terza conferenza gsc

La Rivoluzione è sinonimo di PreparAZIONE.

“Una rivoluzione è necessaria ma non senza una preparazione”. Questo è il messaggio che lo Spirito Santo ci ha comunicato chiaramente durante la serata “Aspettando la III Conferenza GSC” al Centro URIA.

Sentiamo la necessità di un cambiamento radicale prima nelle nostre vite e poi nella nostra nazione, ma siamo consapevoli che NIENTE accadrà senza la nostra partecipazione.
Dio ci chiama a preparare i nostri cuori per quello che Lui vorrà dirci durante i tre giorni della conferenza.

Come un esercito vogliamo disporre noi stessi per ricevere i comandi del generale.

Spesso alle conferenze arriviamo come degli zombie spirituali. Ci trasciniamo grosse zavorre di delusioni, abbattimenti e sconfitte spirituali sperando in un intervento Divino che ci rialzi per poi “sopravvivere” altri 2/3 mesi e ritornare nella stessa o peggiore condizione di prima!

Dall’esperienza dell’anno scorso ci siamo resi conti che solo chi veramente predispone se stesso a ricevere da parte di Dio, la conferenza può diventare un trampolino di lancio per qualcosa di decisivo ed efficace. Ci sono tantissimi gruppi di giovani che continuano a pregare e digiunare come risultato del messaggio di Lou Engle l’anno scorso. Non solo un evento emozionate ed entusiasmante, ma una ridefinizione culturale nel nostro modo di essere. Tale condizione può essere raggiunta solo preparandoci!

In questi 26 giorni che mancano alla conferenza vogliamo serrare i ranghi e concentrarci su quello che Dio vorrà fare.

Un impegno serio di digiunare almeno una volta a settimana (3/4 volte prima della conferenza), pregare ogni giorno e meditare la parola di Dio con la consapevolezza che Dio ci parlerà attraverso i Suoi servi e attraverso il nostro stare insieme.

Sulla nostra pagina Facebook ci saranno vari spunti per la meditazione, uniamo le forze per Glorificare Gesù prima nelle nostre vite e poi nella nostra nazione.

Prepariamo i nostri cuori, è giunto il tempo!

Vi lascio con un video che può diventare il nostro grido in questi giorni! RIVOLUZIONE! Se non adesso quando?

Antonio Morra
Generazione Senza Confini

III Conferenza GSC – di cosa stiamo parlando?

«Ci sono momenti nella storia in cui si apre la porta di un profondo cambiamento. Le grandi rivoluzioni, nel bene e nel male, avvengono nel vuoto creato da queste aperture. E’ in questi periodi che uomini e donne chiave – e persino generazioni intere- rischiano tutto per diventare il cardine della storia: quell’elemento cruciale che determina la direzione in cui girerà la porta.» [Lou Engle]

Tutto risale appena ad un anno fa. Molto di più di una semplice emozione. Non soltanto un evento, ma una vera e propria ridefinizione culturale, ispirata ed operata da Dio. Un drastico appello al cordoglio e al ravvedimento, una chiamata alle armi della Verità e della Giustizia, una solenne assemblea convocata con la priorità assoluta. Proprio in una simile occasione, Dio ha urgentemente rivolto un radicale messaggio di consacrazione e santità ad una generazione che ha desiderato, con tutte le proprie forze, di essere davvero senza confini e che in Cristo è riuscita, finalmente, a realizzarsi come tale. Una generazione disposta a tutto, determinata a ricercare il volto di Dio a qualsiasi costo. Una gioventù che prega, supplica Dio ed intercede presso di Lui come mai prima d’ora si è fatto per la nostra nazione; giovani che digiunano perché affamati di Dio. Una generazione disperata per la speranza di Gloria! Un esercito il cui grido sarà, ora e sempre: «Così non ci allontaneremo più da Te: Facci rivivere e noi invocheremo il Tuo nome. O Eterno, DIO degli eserciti, ristoraci; fa’ risplendere il Tuo volto e saremo salvati.» [Salmo 80:18-19]
Proprio questi sono stati i presupposti all’incredibile visitazione che, poco meno di un anno fa, ha stravolto le vite di quanti vollero essere presenti ad un appuntamento stra-ordinario, e pertanto imperdibile, quale è quello della conferenza di Pasqua del movimento Generazione Senza Confini! Gli echi di quei giorni non hanno badato né al tempo né allo spazio: hanno attraversato in lungo e in largo l’Italia, portando ovunque una fresca ventata di Spirito; hanno valicato le Alpi e raggiunto persino delle zone del Vecchio Continente, entusiasmando alcuni nostri fratelli europei. Il ricordo di quei giorni persiste tutt’oggi, ma sopratutto il fatto che se parli come di un ricordo, anche se recente, accresce l’aspettativa e la determinazione di quanti, giovani e meno giovani, hanno scelto di essere presenti con GSC, al nostro III° appuntamento con la Storia.

C’è insoddisfazione. C’è fame. C’è disperazione: le premesse per la Rivoluzione ci sono tutte!
In un momento storico tanto complesso quanto critico, malvagio ed incerto, quale è quello che la Chiesa di Cristo oggi sta vivendo, anche l’occhio più pigro ed indifferente è allertato, allarmato e spronato.
Il bisogno che qualcosa cambi si fa sempre più ingombrante e disperato. Il cambiamento continua insistentemente a picchiare alla porta del Presente, dopo aver tristemente salutato un Passato amaro, eppure nessuno gli ha ancora aperto. È ora che qualcuno apra quella porta. E’ giunto il momento che le cose tornino come un tempo: sottosopra!
Un noto uomo di Dio, Robert Wilder, si espresse a riguardo in questi termini: «I primi cristiani misero il mondo sottosopra perché, per primi, essi stessi erano stati messi sottosopra dallo Spirito Santo.»

La creazione stessa geme, è in travaglio ed aspetta con impazienza la manifestazione dei figli di Dio. Tuttavia per manifestarci, per essere riconosciuti dagli uomini, dobbiamo, come figli Suoi, necessariamente essere conosciuti da Dio. Solo tornando a Lui la Chiesa sarà davvero in grado di indicare efficacemente ai perduti la via del pentimento. Solo dalle ceneri del cordoglio e del ravvedimento potrà sorgere la Fiamma Ardente del fuoco dello Spirito Santo.

Tappe obbligate per l’Alto Solaio erano, sono e saranno sempre, il giardino del frantoio e l’altura del Golgota. E’ tempo che Dio riformi la Sua chiesa per poi rivoluzionare il mondo! Egli si sta per sorgere in favore del Suo popolo, «poiché è tempo d’averne misericordia; ecco, il tempo fissato è giunto.» [Salmo 102:13b]
Egli ha dato ordini a quelli che sono a Lui consacrati, ha chiamato i suoi prodi, quelli che esultano nella Sua grandezza, per eseguire la Sua ira. C’è il rumore di una grande moltitudine sui monti, simile a quello di un popolo immenso; il rumore tumultuoso di regni, di nazioni radunate. L’Eterno degli eserciti passa in rassegna l’esercito per la battaglia. [ pfr Isaia 13:3-4]
Proprio così: la resa dei conti è vicina. Dio sta dando precise disposizioni al Suo popolo, perché nel giorno della battaglia, fermo nella verità dell’Evangelo, esso riporti una solenne vittoria nel nome dell’Eterno, l’Iddio degli eserciti! Egli sta inviando suoi ambasciatori, rivestiti della Sua autorità, perché annuncino la Sua parola, proclamino la Sua verità e dichiarino la Sua volontà: diversi uomini per un solo messaggio: Rivoluzione! Pertanto dunque in occasione della Terza conferenza GSC interverranno ospiti d’eccezione del calibro del Dr. Michael Brown, Bryce Manderfield, Reuben Morgan con il gruppo degli Hillsong London, e Corrado Salmè.

Laureatosi in Lingue e Letterature orientali presso la New York University, figlio spirituale di Leonard Ravenhill, il Dr. Michael Brown, meglio noto come Mike, è un giudeo convertito a Cristo sin dal 1971. La sua esperienza di fede ha, sin dal principio, dello straordinario. Tutto ebbe inizio all’età di appena sedici anni quando, il giovane Mike con un grido disperato squarciò la notte di ribellione e peccato, nella quale si stava logorando: «I’m burning in hell! I’m burning in hell!» –
« Sto bruciando all’Inferno! Sto bruciando all’Inferno». Un grido, il suo, che fu preludio e presupposto per l’intervento di Dio nella sua vita.. Da allora, accettato Gesù come Messia e personale Signore e Salvatore, Mike, in America, così come in tutte le nazioni in cui si è recato, predica ed insegna ovunque e a chiunque, alla Chiesa, a Israele e al mondo, l’Evangelo della gloria di Gesù Cristo! Da ormai quarant’anni, con franchezza e unzione, rivolge continuo un messaggio radicale di ravvedimento, risveglio e rivoluzione culturale ad ogni sorta di uditorio; ha persino parlato di fronte a platee universitarie del calibro di Havard e Yale. È autore di ben 22 libri, tra cui ricordiamo «Dov’è finita la potenza», «Fino a quanto siamo salvati» e « Rivoluzione: una chiamata ad una guerra santa»; ha scritto, e continua a scrivere, decine di articoli tradotti in più di una dozzina di lingue. È fondatore e presidente della «Fire School Ministries», (Nord Carolina) e direttore dell’associazione «Coalition of Conscience» (Coalizione di Coscienza). E’ ospite del quotidiano radio «The Line of Fire» (La frequenza di Fuoco) e sopratutto è riconosciuto, dal punto di vista mediato, tra i più autorevoli esponenti del mondo evangelico pentecostale. Sperimentata la fiamma del Risveglio nel 1995, nella straordinaria visitazione dello Spirito Santo a Bronwsville, Pensacola, durante la quale egli fu uno dei principali strumenti di Dio, ancora oggi il dr. Mike Brown è animato dalla stessa passione e dallo stesso desiderio di vedere ardere ancora, una volta e per tutte, come preludio al ritorno del Re di Gloria, la fiamma del Grande Risveglio! Sarà con noi alla nostra conferenza solo ed esclusivamente per arruolare, per conto del Re, quanti desidereranno ardentemente essere parte della Rivoluzione di Gesù!

Bryce Manderfield è un giovane colombiano animato da una profonda passione per l’Evangelo, data la sua formazione missionaria, iniziata, a tempo pieno, all’età di appena 18 anni. È ,oggi, direttore esecutivo di «Soluciones Juveniles», un movimento giovanile di cui Dio continua ad usarsi potentemente, ormai da diversi anni, principalmente in Latino America, ma anche in altre parti del mondo. Autore di ben 9 libri, Bryce ha viaggiato in più di 23 paesi, ha ministrato a più di 150’000 giovani e ha formato più di 15’000 leader pastorali.

Reuben Morgan, insieme con Darlene Zschech, è uno dei principali leaders musicali e worship pastors degli Hillsong Sidney (Australia). E’ autore di brani noti in tutto il mondo come «Ali di aquile» (Eagles Wings), «Ascolta la nostra lode» (Hear our Praise), «Il mio redentore vive» (My reedemer Lives) e «Potente a salvare» (Mighty to Save). Insieme con la band degli Hillsong London Reuben sarà alla nostra Conferenza in modo da poter, insieme, noi e loro, attraverso la lode e l’adorazione, raggiungere il Trono di Dio.

Concludo con un pensiero che proprio Mike Brown espresse in occasione di una sua visita in Italia alla tenda di «Cristo è la risposta» durante un suo messaggio:

«Le rivoluzioni iniziano tra gli insoddisfatti, gli oppressi, coloro ai quali sono negati i propri diritti, coloro i quali non sono ascoltati, le cui necessità vitali non sono appagate. Le Rivoluzioni avvengono quando persone disperate realizzano la propria condizione, giungendo così ad un punto di rottura per poi gridare: Basta così! Questa non è vita! Siamo disposti a rischiare tutto, consapevoli che quello che abbiamo è nulla! Meglio la morte che ciò che stiamo vivendo! La Rivoluzione di Gesù produce inevitabilmente lo scontro tra due regni, che a sua volta comporta contemporaneamente, Risveglio e tumulti; Salvezza e persecuzione.» «Questo sarà scritto per la generazione futura, e il popolo che sarà creato loderà l’Eterno» [Salmo 102:18] Stavolta ad essere richiesta urgentemente non è una momentanea attenzione, ma una permanente obbedienza! Dunque: “Oggi e non domani, noi e non gli altri, Gesù e Lui soltanto”, questo è lo slogan della Rivoluzione di Gesù! Sei pronto ad entrare nella storia? Ora è il momento!

Gionathan Viapiana dal giornalino Nuova Direzione